San Lazzaro prolunga i termini per la TARI

Dal territorio
Tipografia

Il saldo dell’imposta è stato aggiornato al 2021.

La prima cittadina del Comune, Isabella Conti, ha recentemente posticipato il limite del periodo per il pagamento della Tassa sui Rifiuti, dal 16 dicembre prossimo al 16 febbraio 2021.

Questo provvedimento è motivato principalmente dalla volontà dell’Amministrazione di “dare respiro” a commercianti e cittadini già molto provati dalle rinnovate restrizioni adottate per contrastare il #covid19. In quest’ottica di solidarietà è stata inoltre stabilita la proroga del progetto “San Lazzaro On The Road” al 31 dicembre 2020. Si tratta di un’iniziativa che prevede, per ristoratori ed esercenti, l’utilizzo libero degli spazi pubblici in cui essi svolgono la propria attività, senza dover quindi corrispondere un tributo al Comune.

Per quanto riguarda la TARI, oltre al differimento della sua scadenza, per il commercio ed il settore industriale (nonché per tante altre attività interrotte o limitate dai recenti decreti) sono disponibili sconti su di essa già da luglio scorso. Per poterne usufruire è sufficiente fare domanda riempiendo il relativo formulario sul Sito Web dell’Amministrazione. Oltre a quelle sopra citate, sono comunque allo studio ulteriori misure a favore dei sanlazzaresi in questo complicato momento storico.

Rifiuti

Immagine: raccolta rifiuti

A questo proposito, la Sindaca Conti assicura che il Comune di San Lazzaro di Savena sta facendo del suo meglio per incrementare i benefici a sostegno dei residenti nell’attuale periodo di crisi economica e sanitaria. Aggiunge inoltre che la proroga per il versamento della TARI può costituire un ausilio, benché esiguo, per le categorie di lavoratori maggiormente colpiti dalle chiusure.

Infine, si augura che i cittadini che godranno dei vantaggi disposti possano trascorrere le festività natalizie in maniera più tranquilla rispetto ai mesi passati. Per quanto riguarda, invece, l’iniziativa “San Lazzaro On The Road”, Conti dichiara di ritenere importante questa proposta in quanto essa valorizza il tessuto economico cittadino e permette a negozianti e clienti, rispettivamente, di lavorare e fare acquisti in maniera più sicura grazie agli spazi aperti concessi dal progetto.

In conclusione, l’Amministratrice tiene a precisare che la tassa di occupazione di suolo pubblico sarà accantonata fino al 31 dicembre anche per i chioschi e le parti esterne dei locali.

Francesco Forestieri

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS