Agricoltura e grande distribuzione a confronto

Eccellenze
Tipografia

Cibus Forum di Parma ha fatto il punto sul futuro del cibo.

Nei primissimi giorni di settembre si è tenuto “Cibus – 20esimo Salone Internazionale dell’Alimentazione”, con incontri e dibattiti riguardanti il futuro della filiera agroalimentare. L’obiettivo principale dell’evento era quello di mettere a confronto gli attori del settore, per discutere su come aumentare i consumi alimentari delle famiglie italiane e l’esportazione dei prodotti.

Diversi gli interventi, effettuati da presidenti, amministratori delegati, esperti del settore. Denis Pantini di Nomisma ha esortato la filiera agroalimentare italiana a puntare con rapidità alla sostenibilità dei prodotti, per non essere superati dagli altri paesi europei, visto il crescente interesse dei consumatori nei confronti di cibi sani e di coltivazioni rispettose della natura. Il Presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti, ha dichiarato che “il cibo deve avere un legame con la terra e siamo contrari al cibo prodotto in laboratorio”.

Dino Scanavino, Presidente CIA Agricoltori Italiani, ha sottolineato che “per rendere sostenibile il sistema agroalimentare, bisognerà rivedere il concetto di filiera”, aggiungendo ad essa i trasporti, l’industria dell’impacchettamento dei prodotti, quella della produzione di macchinari e che sarà necessario tenere bassi i prezzi degli alimenti. Il Presidente di Coldiretti Ettore Prandini ha dichiarato che per migliorare le esportazioni “le merci agricole dovranno viaggiare meno su gomma e di più su treno, aereo e via mare” e che occorrerà lavorare sulla logistica e sulle interconnessioni infrastrutturali.

Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia, ha affermato che la ripresa passa attraverso l’innovazione e che quest’ultima prevede la “collaborazione tra tutti i segmenti della filiera agroalimentare” con “accordi di ampio respiro equi per tutti; accorciamento delle filiere”. E che la sostenibilità va sostenuto coi fatti: “detassare i beni sostenibili e sostenere l’innovazione sui prodotti”.

Ugo De Santis

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS