European Inclusion Summit 2020

Diritti
Tipografia

Scambio di idee per una società di inclusiva.

In vista della Nuova Agenda Europea sui diritti delle persone con disabilità 2020/2030, si è svolta il 17 novembre un'edizione virtuale di European Inclusion Summit 2020 organizzata dal commissariato per la disabilità del Governo Federale della Germania, Antonio Caponetto, capo dell'Ufficio della Politica in favore della disabilità della Presidenza del Consiglio che ha partecipato come rappresentante italiano insieme alla Fondazione LIA quale esempio di "buona prassi" internazionale nel settore dell'editoria digitale.

Gli incontri tra i rappresentanti governativi, gli Enti Europei e le Associazioni che lottano per i diritti delle persone disabilità e con altre realtà, sono stati trasmessi in streaming e tradotti con la lingua dei segni. European Inclusion Summit 2020 è stata un'occasione importante per scambiare idee nuove sulle tematiche riguardanti l'inclusione delle persone, argomenti, che saranno contenuti nella nuova Agenda europea sui diritti delle persone con disabilità per i prossimi dieci anni. L'Agenda elenca leggi, programmi e azioni che guideranno le politiche dell'Unione Europea sui diritti delle persone disabili.

European Inclusion Summit Logo

Immagine: logo dell'European Inclusion Summit 2020

L'intenso Programma ha previsto tavole rotonde e lavori di gruppo per dibattere su temi complessi e delicati riguardanti le fasce più deboli della popolazione come: la violenza verso le donne, la digitalizzazione, e la cooperazione per l'inclusione. Nucleo centrale del Summit è stata la Direttiva Europea sull'Accessibilità (European Accessibility Act). La legge europea sull'accessibilità, del Parlamento Europeo, riguarda i prodotti ed i servizi; la direttiva indica i requisiti di accessibilità.

Fondazione LIA (Libri Italiani Accessibili), è stata riportata come esempio di “buona prassi” nel settore dell'editoria per aver reso accessibili e fruibili in forma digitale i libri per i non vedenti. La collaborazione con molte istituzioni ha contribuito nella progettazione e nella diffusione di un catalogo multimediale che ha coinvolto la filiera dedicata.

Chiara Garavini

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS