Il talento di Giorgia, atleta senza categoria sportiva

Personaggi
Tipografia

La disciplina sportiva ha portato in finale la ginnasta a Italia’s Got Talent.

Giorgia Greco, nasce nel 2007 a Milano, dall’età di 5 anni pratica sport, ginnastica ritmica con passione e amore, ma la vita è sempre pronta a riservarci brutte sorprese. La ragazza, infatti, anni fa fu colpita da un osteosarcoma che le causò una disarticolazione alla gamba destra. L’amputazione dell’arto è stato inevitabile per aver salva la vita e continuare a vivere in salute.

L’amore per la ginnastica non ha fermato l’adolescente milanese, che ha reagito con forza e coraggio, trovando nello sport uno stimolo per andare avanti, superare gli ostacoli imposti dalla disabilità

Desiderosa di tornare in palestra e di gareggiare con le ragazze della sua categoria, con l’aiuto dei genitori ha contattato la Onlus della campionessa Paralimpica di scherma Bebe Vio, Art4Sport. L’Associazione Art4Sport si adopera per promuovere e incoraggiare i giovani ad avvicinarsi allo sport e a questa disciplina.

Giorgia Greco Con Hulahoop

Foto: Giorgia Greco mentre si esibisce

Per invogliare altri giovani come lei all’attività sportiva e condividere le vicende di Giorgia, è stata creata una pagina Facebook: Giorgia Greco Rhythmic Whis Ma, non è finita qui.

Il destino ha voluto che la ragazza portasse sul palco il suo talento e la sua disabilità, esibendosi davanti al pubblico televisivo e alla giuria di Italia’s Got Talent riscuotendo un enorme successo, andando immediatamente in finale con gli elogi della campionessa di nuoto Federica Pellegrini che conosce molto bene le fatiche di chi fa sport. 

La storia della giovane ginnasta, che nonostante l’amputazione della gamba continua sempre ad amare la ginnastica ritmica, mette in evidenza, come lei stessa ha dichiarato, l’assenza della categoria nella sua disciplina; in Italia la ginnastica ritmica è inserita solo nella FISPIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici Intellettivi Relazionali).

Chiara Garavini

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS