Aleo Film, dall’intrattenimento alla promozione

Cinema
Tipografia

Creatura di cinema e spettacolo nata da un’idea del regista Alessandro Leo e di altri tredici professionisti.

Inaugurerà sabato 10 settembre alle 15:00, presso la sede di via dei Lapidari 10/c a Bologna, con la presenza del Sindaco Matteo Lepore, Aleo Film casa di produzione cinematografica che opererà anche nel settore della pubblicità, del Web, dei Social Network e della formazione.

Dopo due anni di pandemia, il giovane regista di Bologna Alessandro Leo costituisce un nuovo polo cinematografico che si distingue realizzando un’area di incontro tra l’esperienza di illustri lavoratori del settore e il punto di vista che rappresenta una novità di un gruppo di giovani specialisti. Questo interverrà in tutte le sezioni dell’audiovisivo, a partire dalla promozione di imprese e liberi professionisti, fino alla creazione di videoclip musicali, shooting e showreels. Vi sarà anche una sfera legale volta a tutelare i diritti degli artisti fino a una programmazione di intrattenimento sul Web e sui Social.

Team Aleo Film1

Foto: alcuni componenti dell'Aleo Film 

I luoghi che ospiteranno le produzioni, alcune sono già in preparazione, saranno soprattutto Bologna e altre zone della nostra regione, in ragione della loro centralità nell’area cinetelevisiva italiana e internazionale. Ciò grazie all’operato della Cineteca di Bologna, dell’Emilia-Romagna Film Commission e dell’Amministrazione del Comune e della Regione E-R. 

Oltre alla produzione, in cooperazione con la Scuola di Teatro Colli di Bologna, Leo ha creato un’Accademia di Formazione e Specializzazione, l’Aleo Film Academy, in cui insegneranno docenti famosi. Sempre nel settore formativo è stato istituito il Centro Nazionale di Comunicazione Persuasiva, in cui da questo mese si terranno corsi di aggiornamento per Avvocati condotti da Emanuele Montagna con il patrocinio della Camera Penale della nostra città.

Alessandro Leo

Foto: primo piano di Alessandro Leo

Leo, già esperto di recitazione e regia, ha dichiarato che «quando hai l’onore di lavorare con Maestri come Pupi e Antonio Avati rimani illuminato dai loro insegnamenti e dall’attenzione che hanno verso i giovani artisti». L’artista ha poi proseguito affermando che «con Aleo Film e con l'Academy desidererebbe che i giovani "s’innamorassero di questo mestiere” superando le difficoltà con la perseveranza e circondandosi di persone che credono in te e nei tuoi sogni». E alla fine ammette: «Anche perché l’alternativa qual è? Rinunciare?»

Silvia Saronne

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS