Nel mezzo del cammin... c'è una mostra!

Arte
Tipografia

Ricordare i 700 anni dalla morte di Dante.

Nel 1302 l'Alighieri - in fuga da Firenze per motivi politici - nel corso del suo pellegrinaggio di profugo, si rifugiò a Forlì, ospite dei signori ghibellini Ordelaffi. Oggi la città gli rende omaggio grazie a una mostra, nel settimo centenario della scomparsa del Sommo Poeta, nata da una collaborazione tra le Gallerie degli Uffizi, i Musei San Domenico, la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.

"Dante. La visione dell’arte" è un evento che testimonia la volontà di ripartenza del nostro Paese, dopo l'anno difficile della pandemia e che vuole celebrare la grandezza intellettuale e civile della cultura occidentale, attraverso il genio di uno tra i più grandi personaggi italiani di tutti i tempi e la creatività di alcuni dei maggiori artisti che - nel corso dei secoli - si sono ispirati al visionario e potente universo dantesco della Divina Commedia.

In mostra capolavori quali un disegno di Michelangelo che raffigura un dannato dell’Inferno; i ritratti di Dante e di Farinata degli Uberti eseguiti da Andrea del Castagno; per opera del Pontormo la Cacciata dal Paradiso terrestre; alcuni disegni di Federico Zuccari appartenenti a un'edizione cinquentesca della Commedia; il busto settecentesco di Virgilio dello scultore Carlo Albacini; Francesca da Rimini all’Inferno, dipinto ottocentesco di Nicola Monti.

Ugo De Santis

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS