Risveglio

Auser
Tipografia

La strada si sveglia sbadigliando
Sotto i lampioni,
Sgrana gli occhioni
E si mette a cantare
“È ora di alzarsi, basta sognare!” 

Sono passato dal sonno alla veglia
Che è appena suonata la sveglia
Le lancette fosforescenti,
Segnano le sei, accidenti a lei! 

Ecco che inizia una nuova giornata,
E la fatica è assicurata
La saracinesca d’una bottega,
S’alza sferragliando come una sega. 

Il motore di un camioncino
Tossisce a strappo, poverino!
Dalla villetta di fronte
Giunge il pianto di un bambino. 

A questo punto mi stiracchio
E comincio a pensare
“Sei un pendolare, mica un signore!
Alzati in fretta, lavoratore! 

La tua vita è laggiù,
Nella fabbrica lontana
Ed è lunga la settimana!”

Silvana La Valle

Gruppo di poesia "Io Poeto"  dell'Auser di Bologna

Condividi

FacebookTwitter
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.