Le calzette bianche bolognesi, campioni d’Italia

Sport
Tipografia

A distanza di 17 anni la Fortitudo Bologna White Sox vince lo scudetto.

Da quando la Fortitudo Bologna White Sox, nel campionato del 2019 non si classificò per le Final Four, ne è passata di acqua sotto i ponti. Da quell'evento così deludente, la squadra si è compattata ed ha iniziato la risalita per riprendersi il posto che le compete. dopo aver sfiorato lo scudetto nello scorso anno, il team del coach Lauro Lanzarini, con un cammino strepitoso e con una sola sconfitta all’attivo, si ricuce il quarto tricolore della sua storia sulla casacca con l’aquila blu.

Alla finale giocata sul campo di Casteldebole, contro la compagine milanese dei Lampi alla presenza di un folto pubblico, per lo più supporters della squadra meneghina, le due  squadre prendono posizione sul diamante dopo l’esecuzione dell’Inno nazionale.

I felsinei, sono i primi a battere per via del sorteggio, ma nei primi due inning il punteggio si schioda solo con il primo punto segnato da D’Angelillo, anche perché la fortissima difesa milanese guidata da Allegretta e company, è molto attenta e serrata. Nella parte bassa dell’inning anche i bolognesi serravano le proprie maglie, non permettendo alle mazze dei milanesi di far male. Negli inning successivi, i bolognesi incrementano il loro vantaggio portandosi sul 6-2 al VI inning.

Esultanza Dei WS

Foto: i White Sox campioni d'Italia

Alla settima ripresa, il giro mazze bolognese segna un big inning incrementando il proprio score a 11, sembrava che la partita dovesse terminare li, ma a parte l’orgoglio dei Lampi, ci si mette anche il solito calo di concentrazione dei felsinei, che si fanno segnare all’VIII inning 3 punti fissando il punteggio sull'11 a 5, che poi risulterà decisivo. La difesa Fortitudina, a quel punto, si sveglia dal torpore momentaneo e ferma tutto quello che c’è da fermare e chiudono le ostilità al IX inning con il punteggio finale che vale lo scudetto per il Bologna. 

I Lampi si sono battuti con caparbietà ma sicuramente la Fortitudo ha centrato i pronostici che la vedevano come una delle squadre favorite per il titolo. Ottimo l’arbitraggio. Al termine del match, come da prassi, sono stati assegnati i premi alle squadre e anche i premi che lo scorso anno non sono stati consegnati per via della pandemia.

Termina così il XXV campionato di Baseball giocato da ciechi, nonostante molte difficoltà, ma giocato sempre in tutta sicurezza. Piccola nota, chiamatelo come vi pare, fato, karma, oppure destino, ma il fatto è che a vincere il tricolore sia stata una delle squadre che 25 anni fa disputarono la prima partita del Baseball per ciechi e che ha dato il via ad uno dei più entusiasmanti campionati per atleti diversamente abili presenti sul territorio nazionale.

Valter D’Angelillo

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS