Carnevale, una storia lunga

Tempo libero
Tipografia

La festa delle maschere e degli scherzi.

Tutte le città italiane si preparano a celebrare il Carnevale, la cui tradizione si perde nella notte dei tempi. Il Carnevale è senza dubbio la festa più pazza e variopinta dell’anno, dove tutto è permesso e dove il gioco, lo scherzo e la finzione diventano, per un po’, una regola.

L’inizio varia da paese a paese, ma generalmente viene festeggiato nelle due settimane che precedono il mercoledì delle Ceneri. Quest’anno inizierà il 20 febbraio e terminerà il 25 febbraio, Martedì Grasso. Non si conosce con esattezza l’origine del nome, qualcuno lo attribuisce all’origine latina "car navalis", il rito della nave sacra portata in processione su un carro, la tesi più accreditata è la derivazione dalla locuzione latina "carnem levare", togliere la carne o carne addio, riferendosi ai digiuni quaresimali.

Il Carnevale più famoso al mondo è quello di Rio de Janeiro: la città si trasforma in una grande e coloratissima festa. Uno dei carnevali più conosciuti e amati al mondo, quello di Venezia. A Bologna e dintorni molte sono le iniziative, domenica 16 e 23 febbraio a San Giovanni in Persiceto si festeggia il Carnevale con lo spillo. Le vie di Vergato il 9 e il 16 sono animate da sfilate di carri allegorici; il 23 l’appuntamento è a San Pietro in Casale.

A Fico il 7 ci attende Malvagilandia, evento dedicato ai più piccoli animato con i personaggi Disney; a Rocchetta Mattei il 15 e 16 Carnevale tra le favole. A Casalecchio domenica 16 parata di carri mascherati. Degno di nota è il Carnevale sull'acqua di Comacchio, dove le barche si vestono a festa e navigano tra ponti a canali il 16 e il 23.

Chiara Garavini

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS