Politico Poetico

Cultura
Tipografia

Teatro e cittadinanza attiva promosso dalla Compagnia dell’Argine nell'ambito di Così sarà!

Non è una divisa e non stanno andando a una serata particolare, queste ragazze e ragazzi vogliono semplicemente dirci che da oggi cominceranno a prendersi un impegno importante.

Di che tipo di impegno si tratti ce l’hanno spiegato lo scorso 28 novembre 2019 quattro giovani attori di Argine Young che per due ore hanno condotto all'Arena del Sole di Bologna la serata di presentazione di Politico Poetico, progetto di teatro e cittadinanza attiva a cura di Teatro dell’Argine, a sua volta parte del più ampio Così sarà! La città che vogliamo, promosso da ERT e dal Comune di Bologna.

Politico Poetico è un’iniziativa ambiziosa e complessa, che intende fare dei giovani del territorio, dai 14 ai 20 anni, i protagonisti del percorso di cambiamento verso un futuro più giusto e sostenibile, condividendo gli obiettivi dell’Agenda 2030. L’Agenda, adottata dall'Assemblea Generale ONU nel settembre 2015 per affrontare povertà, disuguaglianze e altre sfide globali, si impegna oggi, come sottoscritto dal Segratario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, a "non lasciare nessuno indietro", legando strettamente i propri obiettivi al sostegno della pace nel mondo. 

Quali siano queste sfide globali e i 17 obiettivi che l’Agenda si propone lo potete scoprire voi stessi sul sito dell'Unric (Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite) e su quello di ASviS - Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. Ai ragazzi e alle ragazze verrà chiesto di scegliere e fare propria una di queste sfide, che sono strettamente collegate e interdipendenti tra loro e toccano da vicino anche i temi delle differenze di genere e del conflitto.

Politico Poetico Completo

Immagine: foto di giovani e logo Politico Poetico

Una scelta che può essere fatta, sottolineano gli attori di Argine Young, solo cominciando a chiedersi che cosa c’è di personale nella spinta verso una sfida globale, quale legame esiste tra ognuno di noi e le proposte di una comunità. Ed è qui che il teatro entra in campo, fucina creativa di immaginazioni ed esperienze. Laboratori, tavoli tematici, conferenze speakers’ corners sui temi dell’Agenda 2030 porteranno così i ragazzi a lavorare insieme tutto l’anno per costituire un Parlamento in cui eleggere i propri rappresentanti, e a redigere delle proposte che verranno discusse con loro direttamente a palazzo Re Enzo.

A concludere il percorso, quest’estate, lo spettacolo immersivo Il Labirinto, che cercherà di dare voce alle adolescenze più fragili e nascoste, coinvolgendo numerosi enti, associazioni e realtà del territorio. Oltre agli esiti artistici a cui giungerà quest’atto coraggioso, per l’appunto politico e poetico insieme, resterà in chi ascolta l’eco di una reazione, locale ma globale, e soprattutto energica, creativa, concreta, possibile.

Riportare le ragazze e i ragazzi a credere in degli ideali e a impegnarsi è probabilmente l’unica chiave che abbiamo per affrontare la sfida che come cittadine e cittadini del futuro abbiamo davanti, nell’incertezza se ciò che si profila sia una desolante regressione o un’occasione senza precedenti. Abbiamo costretto i ragazzi a farsene carico, sembra dirci la Compagnia dell’Argine, e ora tocca a noi ricominciare a insegnare loro che cosa significano studio, competenza e partecipazione.

Se ci sorprenderanno sarà per tutti. Politico Poetico è parte di Così sarà! La città che vogliamo, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, cofinanziato dall’Unione Europea -Fondo Sociale Europeo, nell'ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020, promosso dal Comune di Bologna. Per ulteriori informazioni: politicopoetico.it

Lucia Cominoli

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS