Adotta una Pigotta salvavita!

Sociale
Tipografia

Ricompaiono le bambole di pezza realizzate dagli anziani.

Villa Giulia torna ad essere la patria locale dove i residenti della Casa Residenza per Anziani di Pianoro, insieme agli animatori, producono le Pigotte. Il confezionamento è eseguito a mano dall’inizio alla fine, utilizzando lane e materiali di riciclo. L’incasso delle vendite verrà destinato a salvare la vita di diversi bambini africani, che verranno inseriti nel progetto di lotta alla mortalità infantile.

Ci sono le Pigotte vestite da Operatore Socio Sanitario e quelle abbigliate da infermiera, questo anche per omaggiare il personale medico e sanitario e tutto l’impegno della Sanità in questo periodo contrassegnato dal Coronavirus. Ma non solo. Secondo l’Amministratrice di Villa Giulia, Ivonne Capelli, la bambola che impersona l’Oss di Villa Giulia testimonia il legame reso peculiare dal lavoro degli operatori e degli animatori che affiancano i residenti nel processo di lavorazione, che è anche creativo. Sono oltre dieci le Pigotte già pronte per essere adottate a Natale: la spedizione è gratuita.

Anziani Cuciono Le Pigotte Villa Giulia

Foto: anziani mentre assemblano le Pigotte

La bambola di pezza unisce simbolicamente l’anziano che le dà un’anima, chi l’ha adottata e il bambino che beneficerà dell’aiuto. Sono circa trenta i residenti occupati nel laboratorio, nel contesto di una collaborazione con l’Unicef che va avanti da dieci anni. Raffaele Pignone, Presidente del Comitato Unicef Bologna, nel ringraziare Villa Giulia, ha affermato che l’Unicef non si ferma, cura i bambini dalla malnutrizione con alimenti, porta medicine e protezione in Italia e nel mondo.

Contemporaneamente la Direzione di Villa Giulia ha comunicato ai familiari dei residenti che la struttura ha eseguito 150 tamponi sia agli anziani che al personale e che sono risultati tutti negativi, quindi l’area è almeno per il momento libera da Covid. Ciò anche perché, afferma la Direzione della CRA, sono state scrupolosamente rispettate le norme igienico-sanitarie anti-Covid come la formazione del personale sanitario, la sanificazione e la disinfezione costante degli ambienti, l’uso dei dispositivi di protezione individuale (come mascherine, guanti, disinfezione di superfici animate e inanimate, il lavaggio accurato delle mani). In ogni caso, se ancora i familiari non possono accedere alla struttura, sono stati riattivati il servizio videochiamate Skype e Whatsapp.

Silvia Saronne

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Dona per BNB

Pixel

5 per 1000

Sotiene BNB_dona VirtualCoop 5x1000

BNB Consiglia

METEO

METEO BOLOGNA