È tornato a splendere il rifugio dell'Abetaia

Dal territorio
Tipografia

Domenica 7 aprile scorso il rifugio Ranuzzi-Segni ha riaperto le sue porte.

Una bella iniziativa del Comune di Castiglione dei Pepoli che ha preso in gestione la fatiscente costruzione del rifugio dell’Abetaia caduta in disuso e lo ha completamente restaurato.

Qui vi ha portato anche l'acqua utilizzando una sorgente vicina predisponendo, per i periodi di siccità, anche l'accumulo di acqua con l'istallazione di una cisterna.

Fatto questo il rifugio, dopo bando pubblico, è stato affidato al CAI locale una Associazione molto vivace ma che soprattutto annovera molti giovani fra le sue fila.

Sala Col Caminetto

Foto: caminetto nella sala del rifugio

Lo hanno ripulito e arredato, messo a disposizione degli escursionisti che intendono fare trekking in questa zona meravigliosa, non dimentichiamo che il rifugio dell'Abetaia è posto in una posizione strategica.

Qui si intrecciano due importanti sentieri: Via della Lana con Via della Seta, collegamento fra Bologna e Prato.

Citiamo il Sindaco di Castiglione dei Pepoli Maurizio Fabbri che ha incluso nei suoi ringraziamenti tutte le persone che hanno reso possibile la riuscita di questa iniziativa.

Gianluca Palmieri

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.