Lezioni di sostenibilità ambientale

Ambiente
Tipografia

Un programma per gli studenti dei licei scientifici della nostra regione.

È partito il progetto: “White Energy Week”, che per il terzo anno consecutivo e con il numero dei partecipanti sempre in crescita coinvolge 500 studenti dei licei scientifici. Più precisamente le terze e le quarte classi degli Istituti superiori. Il progetto, per le competenze territoriali e l’orientamento (P.C.T.O.), è stato concepito da Seaside, ESCo del Gruppo Italgas e in collaborazione con ENEA e l’Ufficio scolastico regionale dell’Emilia-Romagna.

Le lezioni si svolgeranno a distanza per una settimana e riguarderanno le scuole dell’intero territorio regionale. Lo scopo è quello di rendere gli alunni più sensibili agli argomenti dell’efficienza energetica e ai comportamenti sostenibili, da fare propri nell’esperienza quotidiana. Gli studenti sosterranno anche delle prove pratiche durante le quali si travestiranno da Manager provetti al fine di eseguire una diagnosi energetica.

Riciclo

Immagine: riciclo

Nella stagione 2020-2021 sono previsti dei tutor specializzati che indicheranno i metodi da applicare e i ragazzi si alleneranno nella raccolta e analisi dei dati energetici, economici e ambientali impiegando gli strumenti forniti da ENEA e Seaside. Questa scelta ha un doppio obiettivo: far sì che i partecipanti diventino consapevoli dei consumi energetici di edifici a disposizione della collettività e creare una coscienza sostenibile negli alunni che li porti a conservare buone pratiche ambientali sia a casa che nella “seconda abitazione” che è la scuola.

Immagine Loghi Progetto WEW

Immagine: loghi enti del progetto WEW coinvolti

Al termine delle 40 ore i ragazzi presenteranno una diagnosi ai docenti e alle loro famiglie e al team di Seaside, Energy Manager ed ENEA, che valuteranno gli scritti. Gli studenti dovranno anche rispondere a un questionario che consentirà di verificare tutte le competenze conquistate nella settimana di apprendimento e redazione nell’ambito di efficienza energetica e sostenibilità ambientale. I giovani potranno sfruttare l’occasione per utilizzare strumenti tecnologicamente all’avanguardia e impadronirsi di abilità utili per allargare il cerchio delle opportunità professionali in futuro.

Vi saranno tre fasi:

1) Fase di preparazione al percorso di formazione tramite la distribuzione di una scheda informativa, una spiegazione dei dati preliminari e un questionario sulle attitudini al consumo della popolazione dell’edificio scolastico;

2) Sessione di formazione generale con gli insegnanti di fisica e di scienze naturali;

3) Fase conclusiva con redazione di diagnosi energetica dell’edificio scolastico durante la quale gli allievi apprenderanno a distinguere e raffigurare situazioni di spreco energetico e proporranno soluzioni.

Silvia Saronne

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS