Una figura solitaria e tenue s’avvicina

Arte
Tipografia

A Casa Saraceni, sede della Fondazione Carisbo, le opere di un pittore bolognese poco conosciuto.

Mario Bonazzi (Bologna, 1911 - Bologna, 1994) è un pittore italiano. Fu allievo di Giorgio Morandi a cui s’ispirò largamente nel corso della sua carriera. Frequentò l’Accademia di Belle Arti della città felsinea e si mise in luce negli anni ’30 come giovane e promettente artista. Riuscì ad attraversare indenne i tremendi anni della guerra, per tornare a esporre già nel 1946.

Nei decenni successivi continuò a partecipare a esposizioni regionali e nazionali e tuttavia, mosso dall'indole riservata e solitaria che lo contraddistinse, si isolò e allontanò dalle vivaci discussioni che animarono il mondo artistico italiano, per rimanere autentico e fedele solo alla propria poetica. Tale desiderio di marginalità, ha fatto sì che il Nostro abbia attraversato il Novecento come un’ombra.

E tuttavia, già in vita, fu seguito con interesse ininterrotto e lodato da vari critici, che ne sottolinearono la vocazione a una pittura tenue e sussurrata, una visione interiore che si fa espressione dello spirito, un sapiente equilibrio di luce, materia e composizione spaziale. Cinquanta opere, fra dipinti e grafiche, ci parlano dell’artista.

Per info: Mostra Bonazzi

Ugo De Santis 

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×