Riorganizzati i servizi per contrastare il virus

Oltre il virus
Tipografia

L’Unione Appenino attiva nuove forme d’assistenza per i cittadini.

L’emergenza #coronavirus obbliga i Comuni a mettere in campo soluzioni straordinarie lavorative e assistenziali per evitare spostamenti non necessari, come previsto dai decreti governativi del periodo.

Gli interventi applicati dall'Unione Appenino vanno incontro ai lavoratori convertendo le attività in smart working. Con la forma agile si concretizzano strategie di lavoro a distanza per poter continuare tutte le operazioni che non richiedono una presenza fisica. Limitate nel tempo l’esecuzione delle attività “indifferenziate” .

Misure restrittive sono state adottate per tutelare la salute di utenti e operatori riducendo l’assistenza domiciliare; interventi  garanti solo a persone sole o in condizioni critiche tali da non poter essere assistiti in modo corretto da familiari o assistenti familiari. Per i casi meno gravi è in atto un monitoraggio degli assistenti di riferimento. Confermato l’impegno per commissioni spesa e acquisto medicinali. Le visite degli assistenti sociali sono sospese salvo che per casi urgenti.

Per accorciare le distanze tra i cittadini e i servizi territoriali è disponibile un numero telefonico attivo dalle 8:00 alle 16:00 degli sportelli sociali a cui rivolgersi per informazioni o disbrigo delle pratiche che si possono svolgere on-line domante. Lo sportello è raggiungibile al 334/2123266 o per mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Battuta di arresto anche per quanto riguarda i servizi educativi a domicilio ad eccezione dei casi in cui è richiesto un contatto da remoto dell’educatore. A distanza, valutata la situazione, l’insegnante distribuisce al ragazzo i compiti, le attività da svolgere che verranno successivamente rimandate.

Chiara Garavini

Condividi

FacebookTwitter