Le iniziative UE per finanziare la crescita sostenibile

Imprese
Tipografia

I report tracciano le linee di sviluppo in materia di finanza sostenibile.

Nel marzo 2018 la Commissione Europea ha lanciato il “Piano d’azione per finanziare la crescita sostenibile” (di seguito anche Action Plan), che prevede una serie di azioni da mettere in pratica per favorire la diffusione e lo sviluppo della finanza sostenibile. 

Promuovere una efficace strategia dell'UE in materia di finanza sostenibile è una priorità del piano d'azione della Commissione per l'Unione dei mercati dei capitali, nonché una delle principali misure di attuazione dello storico accordo di Parigi e dell'agenda dell'UE per lo sviluppo sostenibile. Al fine di conseguire gli obiettivi dell'UE per il 2030 concordati a Parigi, in particolare la riduzione del 40% delle emissioni di gas a effetto serra, l’UE ha bisogno di circa 180 miliardi di EURO all'anno di investimenti aggiuntivi, e il ruolo del settore finanziario è fondamentale per il conseguimento di tali obiettivi, poiché ingenti capitali privati potrebbero essere indirizzati verso investimenti sostenibili. La Commissione è determinata a guidare i lavori a livello mondiale in questo settore e ad aiutare gli investitori sensibili alla sostenibilità nella scelta di imprese e progetti idonei. Per raggiungere questi obiettivi tra il 2018 e il 2019 sono state lanciate numerose iniziative, tra cui la nomina del Gruppo Tecnico di esperti in materia di finanzia sostenibile (TEG) e la pubblicazione - a cura del TEG - di nuovi report nell'ambito dell’implementazione del “Piano d’azione per finanziare la crescita sostenibile”.

Logo Commissione Europea

Immagine: Commissione Europea Logo

Questi nuovi report, pubblicati a giugno 2019, rappresentano un avanzamento rilevante nell'ambito delle iniziative condotte dalle istituzioni europee per lo sviluppo della finanza sostenibile. La loro pubblicazione, avvenuta a poco più di un anno dall'emanazione dell’Action Plan, conferma la consapevolezza sull'urgenza di azione per la realizzazione di un sistema finanziario che sostenga il programma dell'Unione per il clima e lo sviluppo sostenibile

La prima azione dell’Action Plan su cui si concentra un report del TEG riguarda la creazione di un linguaggio comune per la finanza sostenibile, ovvero di un sistema unificato di classificazione o “Tassonomia” dell’Unione europea per definire ciò che è sostenibile e identificare gli ambiti in cui gli investimenti sostenibili possono incidere maggiormente. La Tassonomia dell'UE intende essere uno strumento di attuazione per consentire ai mercati dei capitali di identificare e rispondere alle opportunità di investimento che contribuiscono agli obiettivi della politica ambientale di sostenibilità.

La seconda azione dell’Action Plan prevede la creazione di standard e marchi per i prodotti finanziari verdi. Il TEG propone che la Commissione crei uno standard volontario e non legislativo di green bond UE per migliorare l'efficacia, la trasparenza, la comparabilità e la credibilità del mercato obbligazionario verde e incoraggiare gli operatori di mercato ad emettere e investire in obbligazioni verdi UE.

Logo Impronta Etica

Immagine: logo Impronta Etica

Terza iniziativa oggetto di report TEG è il cosiddetto benchmark climatico, definito come un indice di riferimento che incorpora, accanto agli obiettivi di investimento finanziario, obiettivi specifici relativi alla riduzione delle emissioni di gas serra e alla transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio. Gli obiettivi principali dei nuovi benchmark climatici promossi dal TEG sono:

- consentire un livello significativo di comparabilità delle metodologie dei benchmark climatici lasciando agli amministratori dei benchmark un importante livello di flessibilità nella progettazione della metodologia;

- fornire agli investitori uno strumento adeguato in linea con la loro strategia di investimento;

- aumentare la trasparenza sull'impatto degli investitori, in particolare per quanto riguarda i cambiamenti climatici e la transizione energetica; 

- disincentivare il greenwashing.

Le raccomandazioni pubblicate non sono ancora integrate nel diritto europeo, al momento sono delle proposte rispetto alle quali la Commissione dovrà assumere delle decisioni normative nel prossimo futuro

A cura di Impronta Etica 

Impronta Etica è un’associazione senza scopo di lucro costituitasi nel 2001 per
la promozione e lo sviluppo della sostenibilità e della Responsabilità Sociale d'Impresa (RSI).

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS