La segregazione delle persone con disabilità

Associazioni
Tipografia

Sono ancora tanti i disabili esclusi, lo conferma una ricerca promossa dalla FISH.

In occasione della Giornata Internazionale sulla Disabilità, lo scorso 3 dicembre, è stato presentato il libro: "La segregazione delle persone con disabilità. I manicomi nascosti in Italia”.

Libro curato da Giovanni Merlo, direttore LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità che costituisce la componente lombarda della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e Ciro Tarantino, docente di Sociologia dei Codici Culturali e di Teoria delle Relazioni Sociali, presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università della Calabria.

Dallo studio condotto è emerso che, è essenziale combattere contro ogni forma di segregazione ancora molto presente nel nostro Paese. Sono tante le persone disabili che vivono rinchiusi in Istituti, strutture a cui non viene riconosciuto il diritto umano di vivere la loro libertà in una società inclusiva dove esiste il diritto di scelta di come e con chi vivere.

La Segregazione Delle Persone Con Disabilita

Immagine: copertina del libro 

È ormai all'ordine del giorno sentire fatti di cronaca che descrivono condizioni inumane e degradanti. Il fenomeno della segregazione è sottostimato, una realtà poco considerata dalle Istituzioni; fondamentale è un impegno prima politico e poi normativo e culturale. 

In Italia persistono servizi e strutture residenziali dove le persone con disabilità e gli anziani non autosufficienti vivono in condizioni segreganti e subiscono trattamenti inumani e degradanti.  Sono pochi i casi segnalati alle Autorità competenti rispetto a quelli che effettivamente si verificano.

Fondamentale è l’intervento del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, l’organo a cui nel nostro paese viene attribuito, sulla base della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, il compito di monitorare le strutture che ospitano i disabili

Chiara Garavini

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.