Gelosia

Editoriali
Tipografia

Soprattutto in passato, ma ancora adesso, anche se con toni un po’ più sfumati, la gelosia è considerata un sentimento naturale, incomprimibile, se non positivo, quale corollario doloroso e violento dell’amore di coppia.

In realtà, si tratta di un sentimento becero, molto spesso dovuto all'ignoranza, all'inconsapevolezza della varietà della vita e dei sentimenti, ma in tutti i casi legato alla propria insicurezza, al bisogno di controllare l’altro, per sostenere l’inconsistenza del proprio io.

Se abbiamo la consapevolezza che l’altro non ci appartiene e che la nostra coscienza deve andare da sola incontro alla vita, la gelosia non ha nessuna ragione d’essere.

Giustificare e coccolare questo tragico sentimento, porta solo danni, favorisce e sostiene il bambino capriccioso che è in tutti noi.

A quanto pare la cultura giuridica non sembra pensarla allo stesso modo, se dimezza la pena a un condannato per un omicidio brutale, con l’attenuante dell’impeto d’ira, scaturita da una gelosia per di più infondata.

Il movente gelosia dovrebbe diventare un’aggravante delle pene, non un attenuante come surrettiziamente viene fatta passare attualmente.

Maurizio Cocchi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.