L’Agenda 2030 come framework per la ripresa

Imprese
Tipografia

Le conseguenze della pandemia da Covid-19 sull’Agenda 2030.

Con l’inizio del 2020 il nostro Paese e molte altre aree del pianeta sono stati colpiti da una crisi imprevista e senza precedenti causata dalla diffusione del virus Covid-19. A primo impatto, la crisi è sembrata principalmente sanitaria, ma la pandemia ha presto manifestato un forte impatto negativo sul capitale economico dovuto principalmente dalla drastica riduzione della capacità produttiva, sul capitale umano se si considera, ad esempio, che la disoccupazione e la sottoccupazione riducono le possibilità di accesso a competenze e conoscenze degli individui e sul capitale sociale con la riduzione delle interazioni. Gli effetti sul capitale naturale sono stati positivi durante la prima fase di blocco delle attività socioeconomiche, ma potrebbero velocemente diventare negativi in questa seconda fase di ripresa qualora non si adottino misure corrette per lo smaltimento dei rifiuti (ad esempio mascherine, guanti ma anche la plastica monouso utilizzata soprattutto nella ristorazione). In altre parole, la pandemia da Covid-19 può mettere a repentaglio l’attuazione degli Obiettivi dell’Agenda 2030.

Agenda2030

Foto: Agenda 2030

A marzo, l’ASviS ha pubblicato un rapporto che identifica quali SDGs sono colpiti negativamente, positivamente oppure non colpiti dalla pandemia. L’analisi ha preso in considerazione gli effetti sul breve periodo (entro il 2020) che si potrebbero verificare nel contesto italiano. Ciò che è emerso è che gli Obiettivi colpiti negativamente sono:

- Goal 1, porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo

- Goal 4, assicurare un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti;

- Goal 8, incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti;

- Goal 9, costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione e una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile; 

- Goal 10, ridurre l’ineguaglianza all'interno di e fra le Nazioni.

Lo scenario che si prospetta sul lungo periodo è ancora più negativo di quello identificato dall'Alleanza, in quanto l’interconnessione che esiste tra gli Obiettivi farà in modo che gli effetti negativi della pandemia da Covid-19 abbiano delle conseguenze su tutti i Goal. Come infatti già accennato, la crisi da Covid-19 è una crisi sistemica che non colpisce solo il sistema sanitario, ma anche quello sociale ed economico.

Impronta Etica LogoOK

Immagine: Impronta Etica logo

Oggi ci troviamo di fronte a una pericolosa minaccia, ovvero l’abbandono da parte delle imprese e delle istituzioni di quell'approccio di lungo periodo rivolto ai temi della sostenibilità e quindi un abbandono del perseguimento dell’Agenda 2030, per seguire un modello orientato al breve periodo in grado di coprire i costi economici che la crisi sta imponendo. Quest’ultimo approccio non è in grado di far fronte a eventuali futuri rischi o minacce e non permette quell'inversione di rotta tanto attesa vero il futuro sostenibile, l’unico possibile. 

Ora che il mondo si prepara a una nuova crisi economica di dimensioni globali abbandonare l’Agenda 2030 non rappresenta una scelta saggia. In questo contesto diviene sempre più importante adottare l’Agenda 2030 come punto di riferimento e come framework per ricostruire la nostra economia attraverso innovazioni che possono trasformare i rischi in nuove opportunità di sviluppo. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile racchiudono i principali fattori di sviluppo per un’economia sana e prospera nel lungo periodo. È necessario infatti riorientare il nostro sistema economico e sociale verso una maggiore resilienza e una maggiore sostenibilità ambientale, sociale ed economica che non permetta a nessuno di rimanere indietro. E ciò è perseguibile solo se si mantiene la rotta delineata dall'Agenda 2030. 

A cura di Impronta Etica

Impronta Etica è un’associazione senza scopo di lucro costituitasi nel 2001 per
la promozione e lo sviluppo della sostenibilità e della Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI).

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS