Il Bologna che non ti aspetti

Sport
Tipografia

Un Bologna affamato di punti, scende al San Paolo con l'intento di vendere cara la pelle ed quasi ci riesce.

Mr. Inzaghi dispone la squadra con il suo consueto 3-5-2 con il redivivo De Maio in difesa e riconfermando l'attacco Palacio-Santander. Al fischio d'inizio, i primi a creare un azione, sono stati proprio i bolognesi, dove Poli al 4’, addomestica la palla sul lato destro dell’area di rigore e tira verso la porta avversaria: sfiorando il palo, Santander si lancia sulla palla ma arriva in ritardo all'appuntamento con il gol. Insomma il Napoli fatica a battere un Bologna coriaceo.

Noie muscolari per Santander ma stoicamente rimane in campo. Bologna molto compatto ma anche avverso alla sorte perché al primo vero tiro, il Napoli passa con Milik, che si ritrova la palla sui piedi dopo una serie di rimpalli e brucia Skorupski. Il Bologna si trova immeritatamente sotto dopo aver giocato bene, riuscendo ad impensierire il Napoli, che potrebbe anche chiudere i giochi al 25' con Mertens, ma l'attento Skorupski devia in calcio d'angolo.

Portiere che non meno di 5 minuti più tardi fa venire i brividi a Mr. Inzaghi, uscendo a vuoto su calcio d'angolo. Al 37’ il Bologna ci riprova con Poli: punizione che Pulgar raccoglie e crossa, Palacio spizza di testa il più lesto a raccogliere l'invito è il solito Santander, che di testa buca il portiere napoletano. 1-1. El Ropero alza bandiera bianca, per i problemi muscolari patiti all'inizio delle ostilità e Mr. Inzaghi corre ai ripari e fa entrare Falcinelli.

Esultanza Di Milik

Foto: esultanza di Milik del Napoli 

Il cambio decreta la fine del primo tempo. Un buon primo tempo per il Bologna. Il secondo tempo si apre con un Napoli che non vuole perdere ulteriore contatto con la capolista Juve e già al 51' è di nuovo in vantaggio, sempre grazie a Milik suo il colpo di testa che sovrasta Mattiello e riporta il Napoli in vantaggio. I ritmi arrembanti del Napoli non si fermano, ma il gol del ko non arriva. I felsinei non demordono e si affidano al contropiede per ritornare in partita.

Gli sforzi dell'impegno profuso arrivano su un'azione fotocopia delle imprese gol: cross sulla trequarti, Danilo sale più in alto di tutti e pareggia. Il Bologna è sul 2-2. Il Napoli vuole fare sua la partita, visto il divario tecnico che c'è tra le due squadre e ci riesce sul finire della partita con Mertens che scaglia un tiro che passa sotto i guanti di Skorupski, condannando il Bologna all'ennesima battuta d'arresto. Sconfitta immeritata visto l'impegno che ci hanno messo i ragazzi di Mr. Inzaghi, a poco sono valsi i minuti restanti per rimediare.

Finisce così la partita con l'amara sconfitta di un Bologna coraggioso, contro una squadra annoverata tra le pretendenti a vincere il campionato. Il più bel Bologna visto fino ad ora che lascia ben sperare, in vista della sessione di mercato invernale, sperando in qualche buon innesto di valore e far riemergere il Bologna dai bassifondi della classifica.

Valter D'Angelillo

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.