Lorenzo de’ Medici, un uomo illuminato

© www.overthere.it

Personaggi
Tipografia

Protagonista, addirittura di una fiction, cerchiamo di capire chi fu realmente e perché viene ricordato ancora oggi.

Nato a Firenze nel 1449, città di cui fu Signore dal 1469 alla morte, è stato uno dei più importanti uomini politici del Rinascimento ma fu anche scrittore, mecenate e poeta, avido di conoscenza riuscì a mantenere un perfetto equilibrio nell'allora Penisola Italica. Il suo soprannome "Il Magnifico" si rifà proprio al fatto di aver reso grande l’Italia, di aver promosso le arti, i saperi e di aver permesso a tanti artisti ancora sconosciuti di fiorire.

In politica venne definito “l’ago della bussola italiana” per la sua immensa capacità diplomatica, riconosciuta da tutti i Signori dei vari regni italiani con i quali contribuì a mantenere un clima di pace generale per poter realizzare quello che era il sogno di suo nonno Cosimo e cioè la creazione di una Lega Italica. In un’epoca caratterizzata da guerre e conflitti interni, lui rappresentò un miracolo, un uomo in grado di mettere tutti d’accordo.

Ben presto questa sua abilità varcò i confini italiani tanto da farlo diventare consigliere di sovrani come l’Imperatore Federico III d’Austria, il Re d’Ungheria, Mattia Corvino e di tanti altri. Oltre alle sue indubbie capacità politiche ciò che si ricorda fu il suo contributo alla cultura tanto da essere considerato l’incarnazione stessa del Rinascimento; era curioso verso ogni ramo dello scibile umano e la sua corte era piena di letterati di ogni genere.

Daniel Sharman Interpreta Lorenzo Il Magnifico

Foto: Daniel Sharman attore della fiction © www.optimaitalia.com

Tra gli artisti presenti alla sua corte ricordiamo Antonio del Pollaiolo, Filippino Lippi, il suo favorito ovvero Sandro Botticelli ma anche scultori come Andrea del Verrocchio e architetti, ricordiamo Giuliano da Sangallo. Lorenzo si preoccupò anche di creare un’Accademia d’Arte nella quale si sarebbero potute formare le future generazioni di artisti fiorentini e che venne chiamata “Giardino di San Marco”.

Tra i giovani che appartenevano a questo gruppo c’erano nomi come Donatello, Bertoldo di Giovanni e un giovanissimo Michelangelo che suscitò subito l’ammirazione del Magnifico. Questo amore per tutte le forme di conoscenza lo portò a diventare lui stesso poeta e scrittore e infatti compose alcune opere i cui versi ancora oggi a volte recitiamo.

Fu un uomo pieno di interessi, curioso, ma soprattutto fu un uomo di pace che fece capire con l’esempio concreto, come la diplomazia fosse l’arma migliore in politica e come l’arricchimento personale, la conoscenza, il fatto di imparare cose nuove fosse il più alto traguardo per gli uomini.

Valentina Trebbi

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS