Bologna sempre più virtuale col Vrums

Stili e tendenze
Tipografia

Il primo centro in Italia per la promozione e lo studio della realtà virtuale.

La realtà virtuale è una realtà simulata, un ambiente tridimensionale costruito al computer che può essere esplorato e con cui è possibile interagire usando dispositivi informatici quali: visori, guanti, auricolari che proiettano, chi li indossa, in uno scenario così realistico da sembrare vero.

Essa è applicata in diversi ambiti, dai videogiochi al cinema, dall'archeologia alla medicina. La realtà virtuale rappresenta un linguaggio nuovo e diretto, che accorcerà le distanze fra cultura umanistica e cultura scientifico-tecnologica, grazie alle molteplici speculazioni cognitivo-intellettive che promette di potenziare.

A Bologna, di recente è stato inaugurato in Via Zaccherini Alvisi, 8 VRUMS (Virtual Reality Game Rooms); il primo centro in Italia per la promozione, la fruizione e la divulgazione della realtà virtuale che si definisce immersiva perché porta l’utente ad isolarsi dall'ambiente in cui si trova.

Utente Con Visore Al VRUMS

Foto: utente con strumenti per la realtà virtuale

VRUMS nasce dall'esperienza interdisciplinare di professionisti della comunicazione e delle nuove tecnologie, ricercatori in campo socio-sanitario e Vitruvio Virtual Museum con l’intento di accorciare le distanze fra i diversi settori che potenzialmente possono interagire con lo strumento della Realtà Virtuale.

La nuova impresa sarà il punto di riferimento a livello nazionale per lo sviluppo delle nuove sinergie e ricerche che vedremmo applicate alla realtà virtuale ed anche a diversi comparti dell’economia. Inoltre nell'ambito di Arte Fiera dal 23 al 26 gennaio per ART CITY Segnala 2020 si terrà un'esposizione, con ingresso gratuito, all'interno dello spazio di VRUMS.

Per maggiori informazioni e dettagli anche sulle prossime iniziative potete visitare il Sito Web: www.vrums.it

Chiara Garavini

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Twitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS