Birra di pane, una gustosa novità

Stili e tendenze
Tipografia

In Russia, fin dal Medioevo, si beveva questa birra chiamata Kvass fatta col pane di segale.

Si tratta di una birra, che sta ormai diventando di moda anche da noi, a bassa fermentazione che si produce partendo dal pane di segale nero che le regala una colorazione molto particolare chiaramente scura e che si caratterizza anche per una bassa gradazione, circa un grado solo.

Questa particolare bevanda è da sempre molto popolare nell'Est Europa e anche in Asia, ha una lunga storia alle spalle perché già in epoca medievale le famiglie più povere consumavano questa birra e la utilizzavano in cucina per preparare tante ricette poi nei secoli successivi i contadini e soprattutto i monaci hanno portato avanti questa produzione facendola conoscere e diffondendola un po’ ovunque.

In tempi più recenti si è iniziato a produrla su scala industriale ed è commercializzata in tutto il mondo perché il suo successo è stato immediato e la curiosità attorno a questo prodotto è andata crescendo; è una birra dal sapore unico, con note dolciastre date dalla frutta che viene utilizzata e dallo zucchero, possono essere aggiunti aromi come menta o fragola, non ha conservanti ed è ricchissima di vitamina B. Ma come si produce questa bevanda?

Birra E Pane Di Segale

Foto: bicchiere di birra e pane di segale

Si parte dalla fermentazione naturale del pane di segale che a volte può essere aromatizzato con mele, uvetta o frutti di bosco, zuccherata dalla linfa di betulla, si aggiungono poi lieviti e lo “starter” che permette di attivare la fermentazione. Pensate che questa birra si può preparare anche a casa propria, servono pochi ingredienti reperibili in tutti i supermercati come appunto il pane di segale che adesso si trova ovunque e che va tostato qualche minuto per rispettare la ricetta originale.

Uno dei principali vantaggi di questa birra è legato proprio al fatto che vengono usati scarti del pane che altrimenti verrebbero buttati, è una produzione sostenibile e poi partire da un prodotto finito e non da una materia prima è un vantaggio per l’ambiente perché non c’è uno sfruttamento intensivo di spazi agricoli.

Insomma il malto d’orzo impiegato solitamente per preparare la birra è sostituto da pane comune che verrebbe scartato ma che è però in grado di offrire una bevanda originale, genuina, priva di additivi e conservanti e caratterizzata da un sapore molto particolare che sta conquistando anche i palati più difficili e chi è ancora scettico dovrebbe provarne un sorso per innamorarsene.

Valentina Trebbi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×