Wheelchair: Italia campione del mondo

Sport
Tipografia

 L'hockey in carrozzina italiano sul tetto del mondo, un risultato incredibile.

La Nazionale che non ti aspetti, ma che con grinta, tenacia e spirito di abnegazione sale sul tetto del mondo, confermandosi tra le più forti squadre nel panorama sportivo mondiale, stiamo parlando di hockey in carrozzina elettrica (Wheelchair).

Dopo essere arrivata quarta ai mondiali del 2010 e dopo il secondo posto agli europei del 2016, per la prima volta l’Italia si laurea campione del mondo battendo ai calci di rigore la compagine danese in una finale mozzafiato a Lignano Sabbiadoro (UD).

Il Presidente del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), Luca Pancalli si è complimentato con i ragazzi per lo storico risultato ottenuto, offrendo uno spettacolo unico. Anche il Presidente federale della F.I.W.H. (Federazione Italiana Wheelchair Hockey), ha detto a caldo che questo risultato è un momento storico per tutti noi, frutto di un lavoro che dura ormai da molto tempo e che ha visto un livello di crescita costante di tutti i club aderenti.

Weelchair Azione Degli Azzurri

Foto: giocatori azzurri in azione © www.ilpuntonews.net

Tutto iniziò in Olanda, negli anni ‘70, arrivato in Italia negli anni '90, su iniziativa di un ragazzo di Reggio Emilia A. Bigi, formando la prima squadra, poi in seguito sono nate le altre squadre in varie città tra cui Monza, Bari, Roma e Napoli. Sempre nel 1992 si formò la prima selezione nazionale che partecipò ai mondiali in Germania.

Perse tutti gli incontri, ma fu un’esperienza eccezionale per tutti i ragazzi. Da li ci fu però un crescendo, con la nascita di varie squadre. Da citare che nel 1995 nasce a Bologna la Rangers Antal Pallavicini, squadra che partecipa al campionato italiano dal 1996.

Molta strada è stata fatta da allora, fin dalla nascita della nazionale nel 2002, il Presidente della UILDM mai avrebbe immaginato che saremmo arrivati a questi livelli. Uno sport che porta all'inclusione di tutti e rappresenta il concetto di unione, e attraverso essa, senza avere grandi capacità fisiche e di forza, può aspirare ai risultati ottenuti fino ad ora

Valter D'Angelillo

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.