Sei ragazzi adottano la ex cittadella militare Staveco

Associazioni
Tipografia

È nata, per questo, l’Associazione di Promozione Sociale “Laboratorio Staveco”.

Alcuni mesi fa abbiamo pubblicato un appello sulla futura valorizzazione della Staveco, dopo che era tramontato il progetto del nuovo Campus dell’Università di Bologna. Ora, invece, rendiamo noto che da quell’appello sei ragazzi si sono messi insieme per sviluppare un’idea concreta affinché il futuro di quel pezzo importante della città non cadesse di nuovo nel dimenticatoio.

Il 14 giugno scorso, infatti, è stata fondata a Bologna l'Associazione di Promozione Sociale "Laboratorio Staveco", con l'obiettivo di proporre il recupero dell'ex stabilimento militare Staveco situato ai piedi dei colli bolognesi come centro per la cultura dell'artigianato.

L'Associazione "Laboratorio Staveco" è stata fondata da (nella foto):
- Sebastiano Curci (Presidente), giornalista ed educatore sociale;
- Agnese Casadio (Vicepresidente), architetto;
- Andrea Cucinotta, architetto;
- Jacopo Ibello, geografo e archeologo industriale;
- Luca Naldi, artigiano;
- Gianmaria Socci, architetto.

L'Associazione rappresenta il punto di arrivo di un lavoro iniziato diversi mesi prima da questo gruppo interdisciplinare di giovani professionisti, che si è unito per rilanciare un monumento dell'archeologia industriale da anni in preda al degrado. La Staveco, aperta nel 1880 come Laboratorio Pirotecnico, è stata per decenni una delle più grandi fabbriche di Bologna, sia per estensione che come forza lavoro impiegata.

Gruppo Associazione Laboratorio Staveco 2

Foto: il gruppo dei fondatori dell'Associazione "Laboratorio Staveco"

Il complesso presenta architetture industriali di grande pregio, che sono riconosciute come degne di salvaguardia da parte della Soprintendenza. Dismessa dagli anni '90, la Staveco è stata protagonista negli ultimi anni di un tentativo di recupero come Campus dell'Università di Bologna. Un tentativo purtroppo fallito, e ora questa grande area abbandonata è di nuovo senza una destinazione.

A fine 2016 il gruppo fondatore di "Laboratorio Staveco", seguendo l'idea sviluppata da Sebastiano Curci di realizzare lì dentro una “cittadella dell'artigianato”, si è messo al lavoro per presentare al Comune di Bologna, all'Università e a numerose realtà artigianali locali una proposta di recupero del complesso. Mantenendo la vocazione produttiva storica del luogo, il team propone di realizzare un luogo dove gli artigiani e le loro organizzazioni in città possano trovare spazi non solo di lavoro, ma anche di trasmissione del proprio saper fare alle generazioni future.

Una “cittadella dell'artigianato” con aree per la produzione, l'apprendimento, l'esposizione dei prodotti e l'avvio di nuove imprese. In seguito al successo riscontrato dalla proposta sia tra gli attori coinvolti nel recupero della Staveco (Comune, Università) che tra le organizzazioni artigianali (CNA) e alcune realtà del settore, il gruppo ha deciso di fondare "Laboratorio Staveco" per formalizzare l'intenzione di portare a termine il suo progetto, attraverso la collaborazione con gli attori interessati nel processo e la ricerca di finanziamenti pubblici e privati.

L'Associazione si propone inoltre di “esportare” il modello di recuperare ex spazi industriali per destinarli di nuovo ad attività produttive, per mantenere l'identità di questi luoghi e valorizzare le potenzialità economiche e culturali del settore manifatturiero e artigianale.

Fiduciosi nel successo della loro ambiziosa iniziativa, continueremo a seguire con interesse dove arriveranno questi sei ragazzi sognatori e coraggiosi.

Sebastiano Curci

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×