Campo Estivo B.A.S.

Inclusione
Tipografia

Continua fino al 23 luglio, presso il Camping Villaggio del Sole di Marina di Ravenna.

Il campo estivo B.A.S. – My Body, My Autonomy, My Sport!, ovvero: il mio corpo, la mia autonomia, il mio sport, è un evento organizzato dall’IRIFOR regionale dell’Emilia-Romagna (l’Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), con la collaborazione dell’Istituto dei ciechi F. Cavazza di Bologna. Alla scoperta di una nuova conoscenza più approfondita di sé stessi e del proprio corpo, per essere più autonomi e migliorare i rapporti con altre persone e soprattutto con sé stessi.

Scopo dell'iniziativa è vivere un’esperienza all’insegna del puro divertimento per far sì che ci sia una crescita individuale sia in ambito sociale sia formativo, ponendo i ragazzi in un ambiente naturale, favorendo il normale sviluppo sociale attraverso la conoscenza di nuovi amici, provando e sperimentando attività sportive, senza tralasciare le attività didattiche e ludiche, attraverso laboratori creativi, di orientamento ambientale, ballo e musica. L’iniziativa coinvolgerà venti ragazzi ciechi o ipovedenti, di età compresa tra gli 8 e i 16 anni, anche se affetti da pluripatologie.

Un percorso formativo, che ha lo scopo di far sviluppare ai ragazzi competenze pratiche e relazionali, partendo proprio dalla moltitudine di attività e attraverso esperienze di vita giornaliera in un ambiente stimolante, facendo sì che in tal contesto possa crescere la propria autostima. Non mancheranno tempi pensati per lo studio convenzionale, con laboratori interattivi, con lo scopo di far apprendere competenze specifiche in alternanza ad attività propriamente ludiche, sia individuali che di gruppo.

Foto Di Una Precdente Edizione

Foto: di una precedente edizione del campo estivo B.A.S.

In tutta la durata del campo, i ragazzi verranno quindi interessati in percorsi atti a favorire l’ascolto e la conoscenza del proprio corpo, per migliorare la padronanza di sé stessi, in relazione con gli altri. Uno fra i temi che verranno messi a fuoco durante questi incontri, sarà la presa di coscienza della dimensione affettiva e anche il consolidare la cura del corpo e della fisicità, con attività motorie e sportive.

Il gioco e le attività sportive, infatti, sono ideali per far nascere situazioni sociali atte all’inclusione. Tra le discipline proposte ci saranno il judo, il baseball, il nordic walking, il tennis, il tandem, il nuoto, la canoa, la vela e lo showdown, vedi articolo correlato, saranno altresì presenti le federazioni e gli sportivi che praticano questi sport.

I ragazzi che prenderanno parte al camp, elaboreranno dei tutorial per mostrare ai compagni gli sport che hanno praticato durante tutto il tempo della vacanza, mettendosi a confronto e condividendo le esperienze avute, consigliando ed incoraggiandoli a scoprire tutte le potenzialità che lo sport porta con sé, a partire dal benessere e dalla gratificazione.

Per informazioni approfondite contattare Marzia Mecozzi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Valter D'Angelillo

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×