Che ne sanno i giovani del sangue? Ce lo svela un questionario

Dal territorio
Tipografia

L’Avis del Distretto di San Lazzaro premia con 7.500 euro le superiori del territorio che hanno partecipato alla compilazione del formulario.

Dal Comprensorio Idice-Savena dell’Avis 7.500 euro alle scuole del Distretto grazie al questionario rivolto agli studenti: “Che ne sanno i giovani del sangue e della donazione?”. Per rispondere alla domanda il mese scorso sono stati raccolti dati con un questionario distribuito dalle Avis agli studenti delle superiori. Gli istituti coinvolti sono stati: il “Noè” di Loiano con 29 studenti, il “Majorana” sezione di Monghidoro con 14 studenti, il “Majorana” di San Lazzaro con 134 studenti, il “Mattei” di San Lazzaro con 138 studenti e il “Fermi” sezione di San Lazzaro con 94 studenti. Con i 7.500 euro che saranno ripartiti fra le scuole sulla base del numero dei loro studenti che hanno partecipato.

Come premessa è utile sapere che da decenni volontari Avis, spesso coadiuvati da medici, si impegnano nelle aule scolastiche per spiegare cos’è il sangue, e i suoi derivati, i motivi della sua fondamentale necessità per salvare vite umane. Occasioni per trasmettere ai ragazzi i valori della solidarietà e della donazione disinteressata e anonima. Oltre a educare a corretti stili di vita, a evitare consumo di sostanze stupefacenti, tatuaggi, piercing, rapporti sessuali a rischio occasionali non protetti che possono portare a contagi di aids o epatite B o C.

Come ha ribadito il Presidente del Comprensorio Giampietro Nepoti «riteniamo che quanto emerso da questa indagine, sia importante perché ci ha consentito di raggiungere gli obiettivi che ci eravamo posti: approfondire la conoscenza degli studenti e ricevere da loro pareri e suggerimenti su come migliorare la nostra attività sia nei contenuti che nella comunicazione». Il risultato è un fascicolo di 36 pagine, denso di dati e grafici, presentato in occasione della consegna del virtuale assegno alle scuole avvenuta il 14 dicembre nell’aula magna del “Mattei” di San Lazzaro alla presenza delle istituzioni e dei studenti che hanno gremito la sala. 

A Polga 02 Massimo

Dopo il saluto della Vicepreside del “Mattei”, Elena Marini, i risultati sono stati illustrati da Claudio Lorenzini dell’Avis di San Lazzaro. Dai dati emerge una propensione al volontariato con il 19% dei 409 studenti che riferisce di svolgere già attività in associazioni culturali e ricreative. E riferiscono che nel 35% delle famiglie ci sono fratelli, genitori o nonni impegnati nel volontariato. Col 47% dei ragazzi che associa la parola “dono” a un «pensiero spontaneo senza secondi fini» in linea con i principi dell’Avis per la quale il dono del sangue è volontario, gratuito e anonimo. In termini generali tutti gli studenti ritengono importante la donazione di sangue, organi, midollo osseo, cordone ombelicale. Per il 57% è «un gesto di generosità verso chi ha bisogno», e per il 27% è invece un «gesto di solidarietà». Anche perché un giorno, chissà, «potrei averne bisogno anch’io».

Riguardo all’informazione sulla donazione e sulle associazioni il 34% ne ha avuta dalla tv, il 10% su Internet riferendo che è il loro canale più usato, il 7% sui social network e il 3% su siti web. I manifesti sono stati notati dal 19% dei ragazzi con il 90% di loro, con soddisfazione degli avisini, che ha definito importante l’informazione dell’Avis nelle scuole. In merito alle campagne promozionali e informative sulla donazione per il 37% degli studenti il messaggio dovrebbe essere «un giorno potresti averne bisogno anche tu» mentre per il 34% si deve puntare sul «gesto di solidarietà». 

A conclusione della mattinata l’intervento del Presidente Provinciale dell’Avis, Dario Bresciani, che ha ringraziato «studenti e avisini per l’utile strumento di informazione e conoscenza reciproca che avete realizzato. Infatti oggi, in una società sempre più egoistica e alienata è più difficile coltivare il volontariato e, per questo, è fondamentale il coinvolgimento dei giovani. La necessità di sangue non cessa mai e c’è un calo nella donazione che serve poi anche al donatore per il controllo della sua stessa salute». Infine la consegna dell’assegno.

Giancarlo Fabbri

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×