Sanremo non è un Festival per donne

© www.scuolazoo.com

Interviste
Tipografia

Poche le donne in gara. “Siamo in una fase di transizione”, l’opinione della giornalista Marinella Venegoni.

Sono poche le donne in gara in quest’ultima edizione del Festival di Sanremo. Se ne fa una questione tutta italiana quando invece il tema è emerso anche in occasione della consegna dei Grammy parlando dell’industria musicale americana. Annalisa, Nina Zilli, Ornella Vanoni e Noemi: per quanto grintose e ricche di personalità, sono solo quattro le donne chiamate da Claudio Baglioni.

Il direttore artistico ha valutato la qualità delle canzoni senza curarsi troppo delle questioni di genere, sollevando non pochi malumori nel pubblico non solo femminile. Se tra i campioni le donne sono in netta minoranza, la situazione migliora leggermente tra le nuove proposte, ma le donne sono comunque meno della metà: tre su otto (Giulia Casieri, Alice Caioli e Eva). 

Abbiamo chiesto un parere alla giornalista de La Stampa Marinella Venegoni, con 36 edizioni alle spalle decana della sala stampa del Festival. 

Signora Venegoni, cosa ne pensa di questa scarsa rappresentanza femminile?

Non è un fenomeno italiano ma generale. Basta guardare dall'altra parte dell’Oceano o in Inghilterra, la situazione non è troppo differente. Tutto questo è abbastanza curioso visto che le donne in questo momento stanno cercando di tirare fuori le loro istanze, stanno buttando fuori tutte le loro angosce e i loro dolori. Quindi ci sarebbe anche materia artistica però al contempo c’è una contrazione delle scelte nelle organizzazioni dei festival vari. Secondo me è dovuto al fatto che si sta riformando l’immaginario femminile nella mente della musica. Allora gli organizzatori, siccome sono molto diffidenti e spaventati, si tengono indietro. E le donne pure. 

L’ha delusa Baglioni?                                                                                                                                                                                                              

C’è una commissione che già fa a volte scelte incomprensibili artisticamente, ci sta che ci siano anche poche donne. Lui poi, a naso, non mi sembra un grande femminista a giudicare dalla vita e dalle opere. Diciamo che non sono stupita.

I Cantanti Big Edizione 2018

Foto: i cantanti della categoria big della 68esima edizione 

Per quanto riguarda le nuove proposte donne?                                                                                                                                                                          

Sono poche anche lì. Ascoltando le loro canzoni, sembrano tutte molto sofferenti. Denunciano una certa incertezza, non sanno dove andare. Tutte si chiedono “come stai?”. Come stanno? Male.

Parliamo di Ornella Vanoni.                                                                                                                                                                                                     

È una grande. Ha 83 anni e da sola di donne ne vale tre o quattro. 

Le donne non sono in gara ma in compenso si parla molto di loro sul palco. Questo come lo legge?                                                                                                

Siamo in questa fase di trasformazione. Il pensiero simbolico che riguarda le donne si sta trasformando ma sappiamo bene che i processi simbolici hanno bisogno di tempo.

E questo gran parlare di mamme?                                                                                                                                                                                           

Non mi piace. Accade perché il simbolismo attorno alla nuova donna è in formazione. Non sapendo come gestirlo, tirano fuori un vecchio immaginario tradizionale.

Non buttiamo via tutto di questo festival allora?                                                                                                                                                                        

No, non buttiamo via tutto. Tanto per cambiare le donne devono solo avere pazienza

Giorgia Olivieri

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×