Vestiti fatti di latte

© donna.fanpage.it

Stili e tendenze
Tipografia

Sapevate che il latte non fa bene solo berlo, ma anche indossarlo? Scopritelo in questo articolo.

La prima fibra di latte nasce in Italia negli anni '30, nel periodo dell’autarchia ovvero tutte le materie prime non presenti in Italia dovevano essere importate, ma a causa del divieto di importazione di tutte le materie prime mancanti, le stesse dovevano essere autoprodotte. 

Fu infatti nel 1939 fra le tante lavorazioni autarchiche italiane, nel campo tessile c’è ne era una che ha del prodigioso il Lanital, parliamo di un tessuto davvero speciale: morbido, resistente, dalle proprietà eccezionali e realizzato con gli scarti della lavorazione delle materie contenenti caseina quindi generi alimentari e cosmetici da cui si ricava la caseina, la proteina del latte che viene trasformata nell’ingrediente principale con cui dare vita a una fibra naturale, anallergico e antibatterico ovvero tessuto estratto dal latte.

Il risultato? Un filato traspirante, leggerissimo (molte volte più leggero del cotone ma molto più resistente), morbidissimo e anche idratante perché la caseina, presente viva nel filato, rilascia degli aminoacidi sulla pelle rendendola idratata. La lavorazione ha inizio con l’estrazione della panna dal latte destinata alla lavorazione del burro dal latte intero, parzialmente scremato o magro, il caglio ricavato serve dopo successive lavorazioni, di lavaggio, essiccazione e macinazione alla produzione della caseina tessile.

Filato Ricavato Dal Latte

Foto: filato ricavato dal latte

Il siero residuo da questa lavorazione viene, dopo opportune lavorazioni, reimpiegato per l’alimentazione dei suini. La caseina trattata con dei reagenti chimici, si trasforma in una soluzione che viene spinta dentro attraverso dei microscopici estrusori, di una filiera, in un bagno coagulante, in quell’istante si forma una fibra, che opportunamente tagliata e lavorata, lavata ed essiccata, può essere lavorata proprio come la lana naturale. 

Poi attraverso le operazioni di cardatura, pettinatura, preparazione e filatura, si formano i filati, che tessuti sui telai andranno a creare stoffe di ogni tipo e colore, adatte ad ogni uso, questi tessuti non nulla hanno da invidiare a quelli prodotti con metodi sintetici o ottenuti con materiali pregiati tipo lana o seta. Un modo per non sprecare il latte anche se scaduto.

Valter D’Angelillo

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×