Bologna, cure termali per due milioni di persone ogni anno

Benessere
Tipografia

Ogni anno due milioni di persone si curano nelle terme bolognesi, un numero in continuo aumento.

A confermarlo è Antonio Monti, patron di Gruppo Monti Salute Più e direttore scientifico di Mare Termale Bolognese, che in Cappella Farnese, ha promosso un Convegno sull'importanza delle cure termali, alla presenza di esperti medici e scienziati. «L’importanza delle cure termali, specialmente oggi che la medicina sta allargando i suoi orizzonti, diventa sempre più forte, a Bologna abbiamo portato avanti studi precisi sulle terapie che si possono fare e sono di tre livelli: le cure del dolore, per risanare il corpo; le cure rigenerative, per allungare la vita e potenziare la salute; le cure estetiche, per il benessere delle persone», questo il primo commento di Antonio Monti a margine del convegno. «In questi anni», ha proseguito Monti riferendosi a quanti accedono alle strutture del Gruppo, «abbiamo avuto un aumento continuo di richiesta di cure termali, oggi arriviamo tra 1,8 milioni e due milioni di persone ogni anno».

Proprio perciò, secondo il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, le terme a Bologna devono essere viste «Come un potenziale di sviluppo turistico della città. Credo che sia un punto fondamentale. Avere un bene e una storia nel campo termale come abbiamo noi e non metterla a frutto è un peccato, un peccato non veniale, occorre riprendere il tema delle terme per pensare anche a un rilancio turistico della città».

Convegno Mare Termale Presso Cappella Farnese

Foto: Convegno presso Cappella Farnese (© www.dire.it)

Oltre l'aspetto economico, le terme hanno principalmente un valore medico, come sottolineato dallo pneumologo Alessandro Zanasi: «Da sempre, le cure termali con acque che hanno caratteristiche particolari hanno un ruolo fondamentale nel trattamento delle patologie respiratorie. Le acque sulfuree sono maggiormente impiegate, perché danno maggiore bronco-dilatazione. Poi ci sono le acque salsobromoiodiche e le solfate, che migliorano le performance respiratorie».

Non è solo questione del tipo d'acqua, anche le apparecchiature utilizzate nei trattamenti termali, svolgono una funzione fondamentale nella cura delle patologie delle vie respiratorie più alte e dei polmoni. «Quindi anche il tipo di apparecchio che usiamo è fondamentale nel trattamento delle diverse patologie», continua Zanasi spiegando di come le cure termali agiscano sul paziente - «l’ambiente termale facilita il rapporto di cura e consente al paziente di essere rilassato e accettare in modo più tranquillo la terapia».

In occasione del convegno e della giornata di studio, in Piazza Maggiore era predisposto un Punto Salute a disposizione della cittadinanza e degli sportivi, che offriva esami gratuiti della respirazione, dell’ossigenazione del sangue e un corso sulla corretta respirazione toracico-addominale. Nella stessa giornata, era stato organizzato un Open Day delle strutture termali di Bologna, Minerbio e Monterenzio. Facendo un bilancio finale, Antonio Monti ha concluso: «La cittadinanza ha risposto molto bene [e] tutti i posti sono già stati occupati da prenotazioni online».

Luciano Bonazzi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×