Il DNA del cane incastrerà il padrone indisciplinato

Ambiente
Tipografia

Il Sindaco di Malnate, comune lombardo presso Varese, ha escogitato un metodo per responsabilizzare i proprietari di cani.

Nel territorio comunale di Malnate, i cani censiti sono 1.400 su una popolazione di 17.000 abitanti. Per risolvere il problema degli escrementi canini, inizialmente si era organizzata una campagna di sensibilizzazione, che ha però portato timidi risultati, senza risolvere il problema. 

Il Sindaco Samuele Astuti (il cui cognome dice tanto) ha avuto l’intuizione di prelevare il DNA dei cani e confrontarlo con gli escrementi rinvenuti sui marciapiedi e negli spazi verdi. «Per i cittadini non ci sarà alcun aggravio, il costo delle analisi è attorno ai 20 euro per animale e sarà pagato dalla società che si occupa della pulizia delle strade», puntualizza Astuti. 

Col metodo basato sul DNA, per ora in fase di proposta, sarà possibile multare i proprietari indisciplinati, che nel timore di successive sanzioni, impareranno a raccogliere gli escrementi con gli appositi guanti e sacchettini usa e getta. A sollevare qualche dubbio dal punto di vista giuridico, è la Lega Antivivisezioni, la quale non ritiene che il Comune possa schedare il DNA degli animali. 

Il progettato prelievo del DNA dei cani, non è un’esclusiva di Malnate, progetti analoghi sono attivi in altre regioni italiane, nel Regno Unito e in Spagna. A Madrid in particolare, si è tenuta un’azione dimostrativa con l’hastag #cacaexpress. Durante la manifestazione, alcuni volontari avvicinavano i padroni indisciplinati, chiedendo nome e razza del cane, con questi dati, attraverso i registri comunali, risalivano all'indirizzo del proprietario, al quale recapitavano a domicilio l’escremento «dimenticato»

Al di la dell’aspetto comico, bisogna considerare che gli escrementi abbandonati in parchi e spazi pubblici, costituiscono un problema igienico-sanitario, specie nelle aree frequentate da bambini.

Luciano Bonazzi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×