Domenica 4 si va gratis al Palazzo Pepoli Campogrande

In occasione della giornata del FAI apriranno le porte al pubblico tantissimi monumenti, musei, palazzi e chiese.

Il Palazzo è stato di proprietà di una delle famiglie più importanti della città e venne eretto nella seconda metà del XVII secolo per poi essere terminato nel secolo successivo. Le grandi sale furono affrescate dai pittori bolognesi più famosi all’epoca e che rappresentavano meglio l’età barocca, quindi creazioni opulente, ricche che ben si sono adattate ai vasti spazi di questa dimora.

Tuttavia si possono ammirare anche opere non appartenenti alle scuole pittoriche regionali come quella veneta, la fiorentina, la veneziana e la napoletana che hanno lasciato tracce evidenti in tutto il palazzo, ben distinguibili da quella bolognese.

Il grande Salone centrale è riccamente decorato con uno stile tipicamente settecentesco e ci si può fermare a guardare opere di artisti come Lodovico Carracci, Crespi, il Guercino e Albani, tutti artisti di gran fama non solo regionale ma che hanno poi lasciato le loro tracce un po’ in tutto il paese.

Visitare questo magnifico palazzo è come fare un tuffo nella storia perché in quelle sale hanno passeggiato i membri di una delle tante grandi famiglie bolognesi e poter ammirare gratuitamente questo capolavoro è un motivo in più per andarci e godersi una piacevole giornata, facendo del bene a sè stessi e alla cultura italiana.

Valentina Trebbi


Per maggiori informazioni:

Cosa: visita gratuita a Palazzo Pepoli Campogrande

Dove: Palazzo Pepoli Campogrande in Via Castiglione, 7 - Bologna

Quando: domenica 4 febbraio 2018

Info: 051/229858

Sito Web: www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×