Robot e lavoro, un binomio possibile?

Lavoro
Tipografia

Stanno iniziando a fare la loro comparsa in sempre più ambiti lavorativi, ma è un bene?

I robot ci ruberanno il lavoro? Questa è la domanda che in molti hanno iniziato a porsi da quando la tecnologia è iniziata ad entrare prepotentemente nelle nostre vite, non possiamo quasi far più niente senza l’ausilio della tecnologia e questo si sta verificando anche in ambito lavorativo. Si ipotizza che tra qualche anno gli “umanoidi” saranno una costante nella nostra vita; ci daranno il buongiorno, ci prepareranno la colazione, riordineranno casa, saranno dei validi assistenti per le persone più anziane, porteranno i bimbi a scuola e li aiuteranno a fare i compiti.

Il Giappone è il paese più all’avanguardia sotto questo aspetto, infatti nel paese del Sol Levante ha aperto il primo albergo interamente gestito da robot, una scelta che è servita ad abbattere i costi del personale e quindi a offrire prezzi più bassi ai clienti. Sempre in Giappone si trova all’opera il primo robot/commesso in un negozio mentre in Nevada, negli Stati Uniti, si sta sperimentando il primo camion che si guida da solo visto che sono ben 3 milioni gli autisti di camion, un numero non proprio da sottovalutare.

Una volta i robot erano considerati una minaccia per i lavori manuali mentre adesso lo sono anche per tutte quelle professioni più specialistiche come insegnanti, giornalisti, impiegati e persino avvocati, sono praticamente in grado di svolgere i lavori più vari. Da un recente studio è emerso che di qua al 2025 i robot rischiano di sopprimere nella sola Francia 3 milioni di posti di lavoro, una piaga destinata a crescere e a colpire tutti i paesi; dall’agricoltura all’industria, dalla polizia all’esercito sono tanti i settori che sentiranno il cambiamento e quasi tutti i comparti lavorativi perderanno tantissimi occupati.

Donna E Robot Che Fanno A Braccio Di Ferro

Foto: donna e robot che si sfidano a braccio di ferro 

Senza dimenticare che lavori come quello del barista, molto diffuso e con tanti impiegati, sta risentendo della presenza dei robot e infatti a questo proposito dovete sapere che la Royal Caribbean ha già sperimentato robot/barman a bordo delle navi. Solo i settori della cultura, della sanità e della formazione non hanno ancora subito perdite ma lavori come farmacisti, magazzinieri, cassieri e persino militari e artificieri hanno preso una bella batosta dall’avvento di questi lavoratori tecnologici.

Insomma, queste notizie sono preoccupanti perchè a essere colpito è tutto il mondo del lavoro, sembra quasi che non ci sia speranza e che saremo destinati a restare tutti senza impiego ma bisogna anche provare a vedere un lato positivo nella diffusione dei robot; più che sostituire l’uomo in vari mestieri potrà invece aiutarlo a svolgere più facilmente certi lavori pesanti.

Anche se il loro numero è andato via via crescendo, i robot restano uno strumento nelle mani dell’uomo, è lui che li crea e li gestisce quindi spetta a noi esseri umani utilizzarli nella giusta misura e non mettendoli mai un gradino sopra l’uomo, perché nessuna macchina potrà mai sostituire il lavoro di una persona in carne ed ossa.

Valentina Trebbi

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×