Canti licenziosi e tanta allegria al Battiferro

Tempo libero
Tipografia

Spettacolo teatrale per narrare la vita degli inizi del ‘900 sul Navile.

Continuano gli originali show del Battiferro, che uniscono la simpatia alla rievocazione di spaccati sociali inerenti a periodi storici lontani.

Questa volta è il turno della vita popolare vissuta nell’estate del 1912, lungo le rive del canale Navile, che nei secoli scorsi era un’importante via di comunicazione, capace di sostenere importanti scambi commerciali tra diversi centri regionali.

Commercianti e viandanti seguivano il percorso del canale e facevano sosta nelle locande presenti sulla riva, per rifocillarsi e scambiare quattro chiacchiere con gli altri avventori. Ed è appunto attraverso i canti licenziosi da osteria e le battute salaci, che viene descritta con leggerezza la vita semplice e dura dei popolani, i mestieri antichi andati persi, in un incrocio di persone, esistenze e racconti.

Una serata per ridere e rivivere fatti di un passato ormai coperto dall’oblio.

Uno spettacolo ideato e scritto da Gabriele Cremonini, con Gabriele Baldoni e il Coro dei Ghignosi (Palmiro Benuzzi, Valerio Bertozzi, Pietro Catrambone, Renato Riz, Loris Tedeschi, Alfonso Fava, Umberto Cavalli). Regia di Gabriele Bernardi.

Ugo De Santis

Per maggiori informazioni:

Cosa: "Battiferro finché caldo" Stagione 2017 - Battifango

Spettacolo teatrale v.m. 18 anni

Dove: Sostegno del Battiferro (via della Beverara, 123/A vicino al Museo del Patrimonio Industriale)

Quando: 6 settembre - ore 21:00

Costo: ingresso libero, con consumazione minima obbligatoria. Consumazione minima richiesta € 5,00

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×