Conclusi i Mondiali Paralimpici di Tarvisio

Sport
Tipografia

Il 31 gennaio, a Tarvisio (Udine), si sono conclusi i Mondiali Paralimpici di Sci Alpino 2017; nell'ultima giornata le prove di slalom speciale.

Nell'ultima giornata, dopo aver vinto tre medaglie, l’atleta azzurro Giacomo Bertagnolli, puntava a conquistare un altro podio con la guida Fabrizio Casal, nella gara riservata agli ipovedenti. Il diciottenne ha purtroppo inforcato uno sci all’esterno d'un paletto di porta proprio nella prima manche, lasciando quindi il gioco in mano agli avversari. Il canadese Mac Marcoux, avvantaggiato dall'errore, si è così imposto per la quarta volta in questi Mondiali assieme alla guida Jack Leitch, facendo registrare un tempo di 1’23”79.  L’Argento è andato allo spagnolo Jon Santacana Maiztegui in abbinamento con Miguel Galindo Garces (tempo +1”30), infine il bronzo è stato conquistato dallo slovacco Jakub Krako e alla sua guida Branislav Brozman (tempo +5”81).

Nella prova degli atleti che gareggiano in piedi, il francese Arthur Bauchet ha azzeccato un doppio risultato nelle prove tecniche, ch’è andato ad aggiungersi alla vittoria nel gigante del 30 gennaio. L’atleta ha realizzato un tempo di 1’25”33, infliggendo 94/100 di ritardo all'austriaco Thomas Grochar e un 1”38 al neozelandese Adam Hall. L’azzurro Davide Bendotti si è purtroppo classificato 17° con un tempo di 11”60 di ritardo dal vincitore. Per quanto riguarda la categoria sitting, cioè degli atleti che gareggiano da seduti, la medaglia d’oro è andata all'olandese Jeroen Kampschreur, confermando il terzo titolo iridato. Kampschreur, con un tempo di 1’24”61 ha battuto il polacco Igor Sikorski di 37/100, ribaltando l’esito della prima manche. Il terzo gradino del podio è andato a un altro olandese, Niels de Langen (tempo +2”15). Mentre è stato squalificato René De Silvestro, che ha sfortunatamente saltato una porta durante la seconda manche.

Nella prova standing femminile, l’atleta francese Marie Bochet è stata sconfitta per soli tre centesimi dalla tedesca Andrea Rothfuss. La Bochet, che era reduce da un infortunio, fin dall'inizio aveva dichiarato di non sentirsi pronta per le discipline tecniche, ma è riuscita comunque a concludere con tre ori e due argenti. Sul podio anche un’altra tedesca, Anna-Maria Rieder, staccata di 1”19 dal tempo della connazionale Andrea Rothfuss (1’36”51).  

La Germania ha inoltre realizzato una doppietta nella gara sitting, con l’atleta favorita Anna Schaffelhuber, che ha conquistato il suo terzo oro col tempo di 1’34”31, davanti alla connazionale Anna-Lena Forster di 49/100 e all'austriaca Claudia Lösch di 2”53. Dopo una sconfitta in discesa libera, la slovacca Henrieta Farkašová ha comunque conquistato la sua quarta medaglia d’oro di fila insieme alla guida Natália Šubrtová. Questa fuoriclasse della categoria ipovedenti, con un tempo di 1’32”91, ha preceduto di 2”22 la britannica Millie Knight con la guida Brett Wild, e di 3”14 la tedesca Noemi Ewa Ristau con Lucien Gerkau.

Luciano Bonazzi

 

Condividi

FacebookTwitter
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
×
Iscrizione alla newsletter
Iscriviti tramite il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuovi articoli.
×